DaveriK

Hope and Freedom, Spème e Libertá

Spaghetti Freedom

with 3 comments

C’é un Italia che sta male, di testa: ci vede da un occhio e ci sente da un orecchio solo. Ció permetterebbe comunque di capire e vedere ugualmente ma questa parte di Italia presenta altre fantastiche caratteristiche. Sono sordi e ciechi dallo stesso lato e poverini, soffrono pure di torcicollo, cosa che impedisce loro di cambiare lato. Potrebbero girare il corpo, no, sfiga delle sfighe, non si possono proprio muovere. Una testa piantata nel cemento.

Allora capita che quando si affrontano tematiche attuali se ne esce, questa parte d’Italia, con dichiarazioni imbarazzanti.

Prendiamo il caso satira e Vaticano.

Il diritto alla satira é una conquista dell’Occidente. (e chi potrebbe dir di no?). Il fatto che si possa far satira persino su una figura di importanza planetaria qual é il Papa é importantissimo dimostrando il livello di libertá raggiunto dalla nostra societá multirazziale e multiculturale. (Qui magari se ne potrebbe discutere sull’opportunitá di far satira ma la libertá di espressione e parola é un valore assoluto, nessun dubbio su questo passaggio). Bene, ottimo…quasi. Eh sí, perché succede che chi la satira la subisce la possa anche non apprezzare dicendolo a chiara voce e criticando gli imitatori. Critica, il diritto alla critica: qui sta la parola chiave. Il livello di libertá della nostra societá lo si misura da lí. Non tanto quindi dalla possibilitá di far satira. Perché prendersi gioco di qualcuno puó essere uno strumento pericoloso soprattutto se monopolizzato da una parte politica. Si distrugge l’avversario. La critica invece é un segnale evidente di libertá di parola: un mattone fondamentale, la chiave di volta della libertá.

Invece no. Questa parte d’Italia, sorda e cieca da una parte sola non lo accetta. Non accetta critiche. Allora capita di ascoltare alla radio commenti (redazione notizie, RTL 102.5) sulla vicenda dove si rimprovera Padre Georg di aver aperto bocca concludendo con, cito a memoria: “Padre Georg, Le ricordo che il suo esimio predecessore, Padre Stanislao, in 25 anni di attivitá a fianco di Papa Giovanni Paolo II, non ha mai osato proferir parola. Le consiglio di seguire il suo esempio.”.

Per l’appunto…Spaghetti Freedom. La libertá all’italiana.

Sullo stesso argomento

A Conservative Mind

Written by daverik

novembre 17, 2006 a 11:53 am

Pubblicato su Italia, Libertá

3 Risposte

Subscribe to comments with RSS.

  1. Condivido…. libertà è una parola abusata, inflazionata ed eccessivamente strumentalizzata tanto da non riuscire più a capire bene che cosa diavolo significhi.

    Così la satira va sempre bene ed è sempre buona se allineata, va male ed è di cattivo gusto se non lo è e le critiche di alcuni sono più “libere” di quelle degli altri.

    SGS

    novembre 17, 2006 at 1:05 pm

  2. su queste imitazioni c’è solo una cosa da dire: fanno ridere? sono “treffend”?

    quella di crozza davvero no, in quanto ha costruito un personaggio che non ha nulla a che fare col papa e quindi non è una parodia

    quella di fiorello direi di sì

    anche qui la distinzione è tra buona satira e cattiva satira

    odisseus

    novembre 17, 2006 at 6:16 pm

  3. purtroppo non ho visto ne’ l’una ne’ l’altra e non posso direi la mia a proposito. Ma mi fida del tuo metro di giudizio😉 e poi Crozza ha saputo fare solo una cosa veramente bene: Arrigo Sacchi😀😀 :d

    daverik

    novembre 17, 2006 at 6:38 pm


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: