DaveriK

Hope and Freedom, Spème e Libertá

Posts Tagged ‘liste pulite

Falsi miti 2: Ancora sulle liste pulite

leave a comment »

Bassolino e Di Pietro non si dovrebbero candidare. Mi sembra chiaro e lampante. Soprattutto dopo che Veltroni ha dichiarato di voler essere il controllore supremo delle liste pulite ANCHE negli altri schieramenti. La sua frase la ripeto, perché é cosí chiara che non servono altri commenti: “si può dire che non lo si fa, ma se si dice che lo si fa poi bisogna farlo”. Poesia.

Allora aspettiamo la dichiarazione ufficiale di Veltroni che decide di non candidare i due politici in questione. Lo fará? Chissá perché non ne sono piú cosí sicuro. Bel boomerang.

Di Pietro poi supera ogni limite. Dopo che il giudice per le indagini preliminari di Roma Luciano Imperiali ha rifiutato di archiviare le accuse come proposto in camera di consiglio dal pm di udienza (A proposito, l’avete letta questa notizia sui giornali?) Tonino si scaglia contro la stampa definita “Berlusconiana” (il Giornale e Panorama) e si sente un perseguitato politico. Non credo siano passate 2 settimane 2 da quando Bondi diffidava dal non candidare chi é accusato per motivi politici e l’ottimo Di Pietro ci diceva che cosí non va e Veltroni se ne usciva con “si può dire che non lo si fa, ma se si dice che lo si fa poi bisogna farlo”. Che lirica.

Ne parla anche

Kagliostro

Written by daverik

marzo 1, 2008 at 12:41 pm

Falsi miti: Italia dei Valori, una storia fatta di legalitá

with one comment

Essere garantisti é dura, specialmente con i tempi della giustizia in Italia.

Essere giustizialisti é piú semplice e fa piú fico. Di Pietro, in questo campo, é il fico per eccellenza ed uno dei miti dell’Italia dei Valori é quello di vantare trasparenza e chiarezza cristallina dei suoi eletti. É uno dei buoni motivi perché l’elettore si avvicina a Tonino.

Veltroni ci dice che controllerá e vigilerá personalmente sulle liste pulite degli avversari perché, spiega, con la chiarezza che lo contraddistingue, “si può dire che non lo si fa, ma se si dice che lo si fa poi bisogna farlo”. Chiaro.

Il fatto é che, come spesso capita, si predica bene….etc

Non sono pochi i seguaci di Antonio Di Pietro su cui pendono inchieste, richieste di condanne, sentenze avverse e tante, troppe, ombre. Lo stesso «Tonino nazionale» è indagato dalla Procura di Roma – con la tesoriera del partito, l’onorevole Silvana Mura – per truffa aggravata, appropriazione indebita e falso in un procedimento che cerca di fare luce sulla gestione delle risorse finanziare dell’Italia dei Valori. L’ex Pm è «sotto processo» anche all’ordine degli avvocati di Bergamo perché quando lasciò la magistratura per fare il legale, prima difese il suo miglior amico accusato della morte della moglie a Montenero di Bisaccia, eppoi si costituì parte civile nello stesso procedimento. Tradendo due volte: l’amico e il cliente.

Written by daverik

febbraio 27, 2008 at 9:14 am

Pubblicato su Politica, Veltroni

Tagged with , ,